Otturazioni – Cosa sono

Quando sottoporsi all’ablazione del tartaro
4 giugno 2016
Cosa è la devitalizzazione del dente
4 giugno 2016

Otturazioni – Cosa sono

In passato si procedeva all’otturazione del sito trattato utilizzando una lega aurea o un materiale molto più economico noto come “amalgama” d’argento (unito a rame e stagno) in grado di assicurare una buona resistenza durante la masticazione ma ormai in disuso in quanto contenente mercurio nocivo alla salute.

Il materiale utilizzato attualmente, e presso le nostre strutture, per le otturazioni è il composito: una base resinosa microriempita di silicio finalizzata a sostituire dentina e smalto del dente, priva di metalli (metal-free), discretamente resistente (ormai anche per i molari), di colore bianco, solidificata attraverso una lampada a led.

Sebbene possa capitare che con il tempo e le erronee abitudini del paziente (fumo) il composito pigmenti o scurisca, è attualmente il materiale migliore e garantisce degli ottimi risultati estetici in quanto praticamente non riconoscibile nel dente.

L’esito di questa cura ha una buona durata, tuttavia è raccomandabile fare dei controlli periodicidallo specialista per prevenire infiltrazioni che portino alla formazione di placche, carie e all’eventuale devitalizzazione.

E’ fondamentale, inoltre, seguire una corretta igiene orale anche e soprattutto dopo la rimozione della carie e l’otturazione del sito.

Per controllare lo stato di salute dei tuoi denti, eventuali otturazioni in amalgama che vorresti sostituite, o nuove otturazioni in composito pigmentate, prenota la tua prima visita gratuita negli studi ArsDental